Come rifare la fede turca

Proponiamo qui per tutti i possessori di questo anello una guida,
tratta da un vecchio libretto turco, che guida passo passo alla sua ricostruzione.


"La leggenda vuole che un tempo il Sultano Suleyman, vedendo che nel regno si commettevano molti delitti e furti che spesso venivano giustificati come necessari dal popolo che versava in condizioni di povertà, decise di proporre una sfida ai condannati, per provare l'effettiva necessità della loro condizione e l' onore verso il proprio paese. Chiese per questo aiuto ai gran maestri di corte, che crearono questo anello.

Il Sultano si rese subito conto che senza una spiegazione era praticamente impossibile ricomporre l'anello una volta "sciolto". Decise quindi che ad ogni condannato veniva data la possibilità di ricomporre l'anello in una notte : nel caso ci fosse riuscito sarebbe stato libero, in caso contrario il Sultano avrebbe raddoppiato la sua condanna.

Suleyman capì che chi era realmente un fuorilegge accettava immediatamente la notte in cella cercando di ricreare l'anello, vedendo poi la possibilità di una liberazione immediata, mentre invece le persone che erano realmente in difficoltà accettavano la pena, chiedendo perdono del delitto commesso e rimettendosi alla clemenza del Sultano.

In questi casi Suleyman perdonava i poveri condannati, dando spesso loro la possibilità di guadagnarsi una vita migliore".



La fede turca della Bottega dei Monili




 



INFO |© 2001 by Ethnica. Via Carlo Cattaneo 16 - 37121 Verona - P.Iva: 02713650238